Slide background

La Sezione Primavera del "Divino Amore"

Il GELSOMINO è un servizio socio-educativo che accoglie bambini di età compresa tra 18 mesi e  3 anni, prevede la SEZIONE PRIMAVERA  per i bambini da 2 a 3 anni  che opera in continuità didattico-educativa con la scuola dell’infanzia situata nello stesso complesso architettonico. Il Gelsomino ha ottenuto il riconoscimento della Regione Toscana e la Sezione Primavera quello del Ministero della Pubblica Istruzione. Il Progetto Educativo offre molteplici opportunità di socializzazione e di apprendimento per i bambini, oltre che di formazione per i genitori. Esso include un progetto specifico riguardante la CONTINUITA’ EDUCATIVA tra il GELSOMINO e la SCUOLA DELL’INFANZIA che per noi ha una centralità strategica fondamentale nell’azione educativa e scolastica. Difatti siamo convinte dell’importanza di dare continuità e coerenza al percorso formativo dei bambini che frequentano la nostra Scuola fino ai sei anni di età, e per questo le nostre insegnanti sono impegnate, mediante una ricerca metodologica e didattica costante, ad individuare le risposte più efficaci e soddisfacenti ai bisogni educativi dei bambini e dei loro genitori. Il nostro fine è quello di rendere i nostri servizi sempre migliori.

L’attività si svolge dal 1 settembre fino al 30 giugno di ogni anno con sospensione del servizio nel periodo natalizio e pasquale. Sono programmate uscite didattiche, escursioni con i genitori, feste e iniziative socializzanti. Nel mese di giugno si svolgono anche esperienze ludiche in piscina.

image
Clicca sui bottoni sottostanti per approfondimenti sulla scuola
LA GIORNATA EDUCATIVA
7.30 Apertura del servizio
7.30/9.30 Accoglienza, gioco libero, attività socializzanti
9.30/10.00 Igiene e cura
10.00/10.30 Spuntino
10.30/11.30 Laboratori Didattici
11.30/12.00 Igiene e cura
12.00/12.30 Gioco libero e attività ludiche organizzate all’aperto
12.30/13.00 Preparazione per il commiato

Ogni giorno le attività sono strutturate in momenti diversi. Il momento dell’ACCOGLIENZA a scuola è molto importante e delicato per il bambino e per i suoi genitori, per cui l’educatrice li accoglie con attenzione e cura. La giornata educativa si svolge poi con le ROUTINE ( il cambio, lo spuntino, ecc.) ovvero le attività ricorrenti e prevedibili che danno al bambino sicurezza e la consapevolezza che esistono delle “regole” nella vita comunitaria. Abbiamo quindi il GIOCO (spontaneo, organizzato, simbolico, all’aperto) e i  LABORATORI DIDATTICI.  Infine  il  COMMIATO ovvero il momento del saluto quando i genitori vengono a prendere il bambino e l’educatrice si congeda da lui e li  informa di come è trascorsa la giornata educativa.

L’ACCOGLIENZA significa disponibilità, atteggiamento di attenzione ai bambini e alle bambine, ai genitori, alle colleghe, attenzione e ascolto dell’animo e della mente alle parole e ai silenzi. Una disponibilità intesa come qualità umana e professionale. Il momento dell’accoglienza appartiene ad un sistema di atteggiamenti e comportamenti che incidono su ciò che avviene prima, durante e dopo le altre attività, perciò è una modalità che deve essere sempre presente nell’ambiente educativo durante l’intera giornata. Tuttavia nella scuola esiste anche uno spazio ACCOGLIENZA specifico che si trova all’entrata della struttura. L’arredo e il materiale di questo spazio sono organizzati in modo da favorire un facile e “familiare” ingresso, in modo che ogni bambino senta la scuola un luogo amico.

LE ROUTINE sono delle attività ricorrenti e prevedibili che caratterizzano la vita quotidiana che si svolge nella scuola Le routine sono momenti importanti nella giornata educativa del bambino perché aumentano la prevedibilità dei fenomeni e creano un contesto di attese, ciò dà al bambino un senso di sicurezza e comporta la consapevolezza che esiste una “regola”, per esempio “prima dello spuntino ci si lava le mani”, “dopo le attività si mettono a posto i giochi” ecc.

I LABORATORI la loro attivazione è molto importante sia per i bambini che per le insegnanti. Per i primi consente di realizzare percorsi didattici mirati, di sperimentare diverse modalità di socializzazione nell’ambito di esperienze strutturate e non strutturate, guidate e autonome, che favoriscono la conoscenza delle proprie capacità e al contempo  consentono di osservare altri modi di essere e di fare, quelli dei propri compagni. Per le seconde invece i Laboratori permettono di sperimentare strategie didattiche differenziate, di comparare percorsi diversi, e soprattutto di approfondire la conoscenza di tecniche e materiali sempre nuovi.

LABORATORI ATTIVATI: Laboratorio linguistico, Laboratorio grafico/pittorico ed espressivo, Laboratorio di manipolazione, Laboratorio Scientifico e Logico/matematico.

METODOLOGIA DI LAVORO  adottata dalle insegnanti nei Laboratori mira a favorire il diretto coinvolgimento del bambino nelle esperienze e l’interazione del bambino con il gruppo dei pari, utilizza il GIOCO come condizione indispensabile di apprendimento.

IL GIOCO  è l’attività più importante ed è strettamente legata all’esplorazione dell’ ambiente, all’apprendimento di modelli comportamentali, allo sviluppo di abilità cognitive ed anche come mezzo per esprimere la propria emotività. Il Gioco in tutte le sue modalità: spontaneo e simbolico – organizzato – gioco all’aperto –  favorisce la crescita, l’affermazione di sé, la fiducia negli altri, la curiosità, il desiderio di scoprire cose nuove. Di conseguenza gli spazi, sia quelli interni che quelli esterni alla struttura, saranno organizzati in modo da offrire il massimo delle possibilità di attività ludiche.

Il servizio socio-educativo IL GELSOMINO intende aprirsi alle famiglie caratterizzandosi per un’alta capacità di accoglienza e convivialità mediante l’offerta di occasioni di incontro per momenti giocosi e di festa, di riflessione e di confronto sulle tematiche più attuali e maggiormente sentite dai genitori. Vogliamo costruire con le famiglie un rapporto sereno di fiducia e di stima che consenta davvero di essere di supporto e stimolo ad una genitorialità più consapevole. A questo scopo riteniamo che sia indispensabile tenere di conto delle diversità familiari, rispettare i valori e i modi diversi di ciascuno, attivare anche un confronto e una relazione che non devono essere generiche e standardizzate, ma calibrate su ciascuna realtà familiare e su ciascun bambino nel quadro di linee educative comuni .

Molteplici potranno essere le forme di incontro con le famiglie: i colloqui individuali, gli incontri con i genitori per piccoli gruppi, l’assemblea generale, le feste, gli incontri a tema, i gruppi di lavoro o laboratori per gli adulti. I laboratori per gli adulti e i bambini saranno programmati in occasioni particolari dell’anno e in alcune fasi specifiche della progettazione curriculare. Per favorirne la partecipazione tali laboratori saranno organizzati nel tardo pomeriggio oppure la sera.

La scuola garantisce altresì nel quadro della normativa vigente, gli organi della gestione sociale e adeguate forme di partecipazione delle famiglie.Per i genitori e le famiglie è attivato anche con cadenza mensile uno sportello di consulenza pedagogica che consentirà ai genitori di esporre eventuali dubbi o difficoltà trovando così un supporto più specifico.

Nel lavoro educativo “progettare” è inteso come metodo e strumento per la ricerca di sempre nuove soluzioni e risposte ai bisogni in continuo mutamento dei bambini, consapevoli che occorre porci costantemente la questione del come raggiungere gli obiettivi che ci siamo dati e come poterli sistematicamente valutare. Il circuito ricorsivo tra PROGETTAZIONE e VALUTAZIONE in cui l’una rinvia all’altra ed entrambe costituiscono gli elementi cruciali dell’azione formativa fa si che l’una e l’altra possono essere viste anche nella loro relazione di complementarietà e simmetria poiché hanno gli stessi riferimenti concettuali ed empirico-operazionali e assumono come riferimenti costanti:i contesti d’azione, gli obiettivi, le decisioni circa le azioni da realizzare, le azioni specifiche che caratterizzano l’intervento, i risultati ottenuti.

IL MONITORAGGIO, LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI RAGGIUNTI

IL MONITORAGGIO e la VERIFICA verrà attuata periodicamente in modo sistematico con molteplici strumenti attraverso:

  • l’osservazione sistematica e documentata di ciascun bambino e del gruppo;

  • le schede per la rilevazione dei prerequisiti in ciascun bambino e del gruppo;

  • le schede didattiche per la verifica degli obiettivi raggiunti rispetto al comportamento e all’apprendimento;

  • il monitoraggio delle attività e del lavoro svolto con i bambini;

  • i questionari per i bambini, per i docenti e per i genitori;

  • l’analisi della documentazione delle esperienze.

Gli elementi della VALUTAZIONE possono essere raggruppati in riferimento all’apprendimento, agli aspetti affettivi e di relazione, alle caratteristiche non prettamente scolastiche.

Affinché la qualità del servizio possa essere mantenuta in modo costante nel tempo, particolare cura ed attenzione sarà dedicata anche alla individuazione e alla messa in opera di strumenti che possono favorire il controllo degli interventi in atto ed il loro sviluppo per un maggiore potenziamento delle attività con i bambini e delle iniziative con i genitori.

Bacheca


LA SCUOLA APRE MARTEDI’

1 SETTEMBRE 2015

Vieni ad iscriverti, ti aspettiamo!


Sono aperte le iscrizioni per l’anno scolastico 2015/2016.


Calendario Eventi

<<Sep 2017>>
MTWTFSS
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1

Documenti Ufficiali


Normative


con altri Enti

Autorizzazioni, accreditamenti e convenzioni della Sezione Primavera
Scopri
PER RICEVERE INFORMAZIONI, TEL 0571 466396;
PER ISCRIVERTI ALLA SCUOLA, SCARICA LA MODULISTICA.